Accetto

Questo sito prevede l'utilizzo di cookie di "Terze parti". Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Approfondisci.

La mediazione

l'Attività

LA MEDIAZIONE



La mediazione civile

Mediare è qualcosa che tutti noi facciamo in ogni momento della nostra vita.
Poiché la vita è relazione con gli altri, è inevitabile che a volte i nostri interessi siano in conflitto con quelli dei nostri vicini, dei nostri colleghi, dei nostri clienti o fornitori, dei nostri concorrenti e, persino, dei nostri parenti e familiari.
Questo accade ogni giorno, ma raramente si arriva alla lite o, peggio, alla causa in Tribunale.
Perché?
Perché tutti noi, in maniera del tutto naturale, spesso persino inconsciamente, il più delle volte riusciamo a mediare fra i nostri interessi e quelli degli altri, a conciliare le nostre ragioni con le ragioni altrui.
Il 21 marzo 2011 è entrata in vigore la riforma che introduce anche in Italia il sistema della Mediazione Civile, che si affianca alla riforma del Processo Civile e al Programma di Digitalizzazione della Giustizia con cui s'intende intervenire nella fase di lavorazione delle cause; l’obiettivo principale della riforma è la riduzione del flusso in ingresso di nuove cause nel sistema Giustizia, offrendo al cittadino uno strumento più semplice e veloce per risolvere le controversie con tempi molto brevi (oggi non oltre 3 mesi) e costi molto contenuti e certi.
La mediazione è l’attività professionale svolta da un terzo imparziale e finalizzata ad assistere due o più soggetti sia nella ricerca di un accordo amichevole per la composizione di una controversia, sia nella formulazione di una proposta per la risoluzione della stessa. In pratica, la mediazione civile è tutto questo:
due o più parti, che possono essere assistite dai rispettivi avvocati o consulenti, si incontrano presso un Organismo di Mediazione accreditato dal Ministero della Giustizia per cercare un accordo attraverso il fondamentale intervento del Mediatore Professionista, che si è accuratamente formato e preparato per aiutare le parti a incontrarsi e a trovare una soluzione conveniente per entrambe.
La mediazione costituisce la migliore e unica alternativa alle lunghe e costosissime cause in Tribunale, dove spesso, dopo anni di udienze, tutti si sentono sconfitti e nessuno vincitore.

La mediazione obbligatoria

Oggi la mediazione è condizione di procedibilità (ovvero deve essere obbligatoriamente e preliminarmente tentata prima di poter andare in giudizio) nei casi di una controversia in materia di:
– diritti reali (proprietà , usufrutto , usucapione , compravendite immobiliari ecc.);
– divisione e successioni ereditarie;
– patti di famiglia;
– locazione e comodato;
– controversie commerciali fra aziende e fra consumatori e aziende;
– controversie con le pubbliche amministrazioni;
– affitto di aziende;
– risarcimento danni da responsabilità medica e sanitaria;
– diffamazione con il mezzo della stampa o con altro mezzo di pubblicità;
– contratti assicurativi, bancari e finanziari;
– condominio.
Esperire un tentativo di conciliazione è inoltre obbligatorio quando la mediazione è demandata da un giudice oppure quando è prevista da clausole contrattuali o statutarie (clausole compromissorie).

La mediazione su clausola contrattuale o statutaria

Se il contratto fra le parti o lo statuto societario prevedono una clausola compromissoria di mediazione, con la quale le parti si impegnano, nel caso di controversie, a esperire un tentativo di mediazione prima di ricorrere ad azioni legali, tale tentativo dovrà obbligatoriamente essere esperito dalle parti a pena di improcedibilità nel successivo giudizio.

La mediazione demandata dal giudice

Gli stessi giudici possono, durante il giudizio ordinario in Tribunale, inviare le parti presso un organismo di mediazione ogni volta che ravvisino l’utilità di avviare un procedimento di mediazione fra le parti.

La mediazione volontaria

Per tutte le controversie relative a diritti disponibili è comunque possibile esperire un procedimento di mediazione volontario, che in caso di successo porterà comunque un notevole risparmio di tempo e di denaro alle parti.
Le opportunità legate al ricorso della mediazione volontaria (tempi rapidi e costi certi e ridotti) hanno portato negli ultimi anni a una notevole crescita del ricorso a questo istituto.

Il mediatore

Il mediatore è un professionista con requisiti di onorabilità, competenza, terzietà e imparzialità che, individualmente o collegialmente, svolge la mediazione rimanendo privo, in ogni caso, del potere di rendere giudizi o decisioni vincolanti per i destinatari del servizio medesimo.
Il suo compito è quello di aiutare le parti in lite a trovare una soluzione soddisfacente per entrambe al contenzioso, portandole al raggiungimento di un accordo condiviso ed evitando quindi il ricorso al giudice; il verbale di conciliazione che riporta tale accordo, omologato dal Presidente del Tribunale di competenza, costituisce titolo esecutivo per le parti.
I mediatori, generici o specializzati in diritto internazionale o del consumo, possono operare esclusivamente presso gli Organismi di mediazione e solo dopo aver frequentato un percorso formativo ad hoc tenuto da formatori accreditati, inseriti nell’elenco dei soggetti ed enti abilitati a tenere corsi di formazione per i mediatori istituito presso il Ministero della Giustizia.
In particolare i mediatori sono stati selezionati sulla base di rigorosissimi criteri di competenza e valutando a fondo le loro capacità comunicative, al fine di offrire alle parti un supporto fondamentale che le possa guidare verso un accordo condiviso e pienamente soddisfacente.



Gli organismi di mediazione

Gli organismi di mediazione sono enti pubblici o privati abilitati a svolgere il procedimento di mediazione e iscritti nell’apposito registro degli organismi di mediazione tenuto dal Ministero della Giustizia, dopo aver dato particolari garanzie di serietà ed efficienza.
Il registro è istituito e tenuto presso il Dipartimento per gli affari di giustizia del Ministero e ne è responsabile il direttore generale della giustizia civile ovvero un suo delegato avente qualifica dirigenziale, che esercita poteri di vigilanza e controllo; i criteri e le modalità di iscrizione nel registro degli organismi di mediazione e nell’elenco degli enti di formazione sono fissati con D.M n. 180 del 18 ottobre 2010, pubblicato sulla G.U. n. 258 del 4 novembre 2010, che attua quanto previsto dal D.Lgs. n. 28 del 4 marzo 2010.
Gli enti abilitati a svolgere la mediazione possono essere pubblici o privati (società, associazioni), ovvero organi o articolazioni interne degli enti medesimi (camere di conciliazione istituite dalle Camere di commercio, organismi non autonomi di società); prima di concedere l’accreditamento a un ente privato il responsabile del registro deve vagliare anche i requisiti di onorabilità di tutti i soci (o associati), degli amministratori e dei rappresentanti degli organismi.
Ogni organismo deve dotarsi di un regolamento e di un codice etico, comunicati al Ministero, che garantiscano i requisiti di terzietà, imparzialità e riservatezza di chi svolge il procedimento di mediazione; anche le indennità che le parti dovranno pagare per il procedimento devono rientrare nelle tabelle fissate dal Ministero ed essere comunicate al responsabile del registro.

La mediazione conviene?

Chi inizia una causa civile è spesso animato da un forte sentimento di rivalsa per aver subìto un torto per il quale vuole subito ottenere ragione.
Per questo, fino a oggi, si ricorreva al Tribunale nella speranza di ottenere, per mezzo di una sentenza, quella soddisfazione alla quale si riteneva di aver diritto.
Ma quanti, dopo anni passati fra udienze e rinvii, sostenendo spese ingenti e attese interminabili, effettivamente sono riusciti ad ottenere quella giustizia a cui aspiravano?
Aspettare cinque anni per recuperare un credito è soddisfacente? Aspettare dieci anni per un risarcimento danni è soddisfacente?
Quanto tempo siamo disposti ad aspettare per trovare soddisfazione?
La nostra Giustizia civile, con circa 5 milioni di cause civili arretrate, ha fatto precipitare l’Italia al 157° posto (su 180) della classifica mondiale sull’efficienza del sistema giudiziario per la definizione delle controversie civili e commerciali (dati Banca Mondiale – Doing Business 2011).
Oggi, pur essendo solo all'inizio della lunga strada di risalita, grazie alla mediazione civile la situazione è migliorata e l'Italia ha scalato una ventina di posti nella classifica, risolvendo in tempi rapidissimi le controversie di decine e decine di migliaia di cittadini e imprese.
Ricorrere alla mediazione civile significa avere l'opportunità di ottenere soluzioni concrete in tempi certi e rapidi –massimo tre mesi– e a costi molto contenuti, pari a solo una frazione dei costi di una causa civile.
Quasi tutte le controversie si possono conciliare. Certo, non tutte, ma l’ultima parola spetta sempre alla parte, alla quale rimane sempre possibile il ricorso al Tribunale se non si troverà un accordo.

Principali vantaggi della mediazione

La mediazione è gratuita, qualora non si raggiunga un accordo o si sia ammessi al gratuito patrocinio.
La mediazione è rapida, con tempi massimi di 4 mesi contro una media di 10 anni per giungere a una sentenza definitiva in un giudizio civile (fonte: Suprema Corte di Cassazione, Ufficio Statistica).
La mediazione è economica, con spese di gran lunga inferiori a quelle necessarie per un giudizio civile, fra spese di giudizio, onorari, perizie, consulenze e, soprattutto, costi occulti dovuti agli anni di attesa.
La mediazione è positiva, promuovendo il dialogo e permettendo di mantenere rapporti positivi con l'altra parte (un'azienda eviterà di perdere un cliente, un condomino eviterà di compromettere i rapporti di buon vicinato, ecc.).
La mediazione è necessaria, essendo l'unica via per evitare il collasso del nostro sistema giudiziario e la deriva dell'economia italiana (mentre la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo continua a condannarci per la durata "non ragionevole" dei processi e le aziende straniere non investono in Italia per l'incertezza del diritto, il Parlamento Europeo ha lodato il nostro Paese per aver introdotto la mediazione con una legge all'avanguardia in Europa).

Agevolazioni previste per le parti che partecipano al procedimento di mediazione

Ai sensi dell’art. 20, comma 1 del D.Lgs. 28/2010, alle parti che corrispondono l'indennità di mediazione è riconosciuto, nel caso di successo della mediazione, un credito d'imposta commisurato all'indennità versata, fino a euro 500,00; nel caso di insuccesso della mediazione il credito d'imposta è ridotto della metà.
Ai sensi dell'art. 17, comma 3 del D.Lgs. 28/2010, il verbale di accordo è esente dall'imposta di registro entro il limite di valore di euro 50.000,00, altrimenti l'imposta è dovuta solo per il valore eccedente.

Sanzioni previste per le parti che non si presentano al procedimento di mediazione senza giustificato motivo

Dalla mancata partecipazione senza giustificato motivo al procedimento di mediazione il giudice può desumere argomenti di prova nel successivo giudizio ai sensi dell'art. 116, secondo comma, del codice di procedura civile.
Il giudice condanna la parte costituita che, nei casi previsti dall'art. 5, non ha partecipato al procedimento senza giustificato motivo, al versamento all'entrata del bilancio dello Stato di una somma di importo corrispondente al contributo unificato dovuto per il giudizio (art. 8, comma 5, del D. Lgs: 28/2010 come modificato dalla L. 98/2013).

Art. 8, comma 5, del D. Lgs. 28/2010 come modificato dalla L. 98/2013:
"Dalla mancata partecipazione senza giustificato motivo al procedimento di mediazione il giudice può desumere argomenti di prova nel successivo giudizio ai sensi dell'art. 116, secondo comma, del codice di procedura civile.
Il giudice condanna la parte costituita che, nei casi previsti dall'art. 5, non ha partecipato al procedimento senza giustificato motivo, al versamento all'entrata del bilancio dello Stato di una somma di importo corrispondente al contributo unificato dovuto per il giudizio".
Giustificati motivi per la mancata partecipazione, per analogia con le previsioni normative relative all'interrogatorio formale, sono il legittimo impedimento, la causa di forza maggiore, la mancata o la tardiva comunicazione del luogo, del giorno e dell'ora dell'incontro.
Inoltre, il giudice potrà valutare il rifiuto ingiustificato a partecipare al procedimento di mediazione comeviolazione del dovere di lealtà e probità delle parti e conseguentemente condannare l'assente ingiustificato alle spese, ai sensi dell'art. 92 del codice di procedura civile, anche qualora risultasse vincitore nel giudizio.
Nei casi più gravi, il giudice potrebbe ravvisare nel comportamento non collaborativo delle parti mala fede o colpa grave, e sanzionarle ai sensi dell'art. 96 del codice di procedura civile condannandole anche al risarcimento del danno (resistenza temeraria).

Inoltre, il giudice potrà valutare tale comportamento come violazione del dovere di lealtà e probità delle parti e condannarle alle spese, anche qualora risultassero vincitrici nel giudizio, ai sensi dell'art. 92 del codice di procedura civile.


COSA FARE CONTRO L'ANATOCISMO E L'USURA BANCARIA?
LA MEDIAZIONE CIVILE COME RIMEDIO


Tentare di ottenere il rimborso per usura bancaria o anatocismo ricorrendo alla mediazione è possibile.
Il ricorso al Tribunale richiede costi elevati e tempi d'attesa lunghissimi.

Oggi è possibile recuperare le somme indebitamente percepite dalle banche che hanno applicato l’anatocismo.
Il metodo più efficace per recuperare le somme indebitamente sottratte è la mediazione civile.
Fino a qualche anno fa l'unica alternativa era quella di affrontare una lunga e costosa causa in Tribunale.
Oggi rivolgendosi ad un Organismo di Mediazione accreditato dal Ministero della Giustizia, si potrà ottenere agevolmente una risposta in tempi brevi e a costi contenuti.
Sempre più persone scelgono la mediazione come strumento moderno e rapido per la soluzione ai conflitti di ogni genere.
La nostra Associazione ha già risolto numerose controversie in materia di anatocismo bancario affidando la mediazione a tecnici esperti, portando soluzione ai problemi dei cittadini, delle imprese e dei professionisti.
I costi di un procedimento di mediazione sono solo una frazione di quelli di una causa, e i tempi sono stabiliti per legge in un massimo di tre mesi contro gli anni di un giudizio ordinario.

Avviare la mediazione costa solo 40 euro + IVA, e le indennità (da pagare solo nel caso in cui la banca aderisca al procedimento) sono stabilite, nel loro massimo, dal Ministero della Giustizia (vedi le tariffe di mediazione).

Il rimborso può essere preteso:
1) a partire dal 1952;
2) se il rapporto di cc è ancora in essere ed è stato acceso prima del 2000;
3) se il conto è stato chiuso da meno di 10 anni;
4) se il conto ha presentato saldi passivi.

Con una accurata analisi e la conseguente perizia è possibile contestare alla banca l’applicazione di ANATOCISMO e richiedere il rimborso.

Come accertare l'anatocismo nei conti correnti bancari?

• Occorre acquisire gli scalari trimestrali
• Elaborare la preanalisi
• Certificare l’esito della preanalisi

Se ritieni che la tua banca ti abbia addebitato interessi anatocistici e vuoi ricevere maggiori informazioni su come ottenerne il rimborso con la mediazione, compila e invia il modulo sottostante:


Spese di avvio della mediazione

Le spese d'avvio della Mediazione, dovute da tutte le parti ai sensi dell'art. 16 comma 2 del D.M. 180/2010 come modificato dal D.M. 139/2014, hanno importo pari a:
• € 40,00 + IVA (per le controversie di valore fino a € 250.000);
• € 80,00 + IVA (per le controversie di valore superiore).
Le spese d'avvio, come statuito dal Consiglio di Stato con la citata ordinanza, non costituiscono un compenso per l'Organismo di Mediazione ma solo una copertura abbattuta e forfettizzata delle spese generali che l'Organismo deve affrontare per l'erogazione, alle parti, di un servizio obbligatorio ex lege, andando parzialmente a coprire i costi generali di organizzazione e segreteria quali, a titolo d'esempio, i costi relativi alle sedi e al personale di segreteria, alla tenuta dei registri e degli elenchi obbligatori, alle comunicazioni obbligatorie al Ministero della Giustizia, alla prenotazione e alla disponibilità delle sale di mediazione, alla redazione e al rilascio dei verbali.
Sempre ai sensi dell'art. 16 comma 2 del D.M. 180/2010 modificato dal D.M. 139/2014, andranno versate anche le "spese vive" affrontate dall'Organismo di mediazione relativamente alla singola procedura, quali, per esempio, costi di eventuali servizi di videoconferenza, costi delle comunicazioni alle altre parti ed eventuali altre spese vive documentate e riconducibili alla procedura.
Comunicazioni alle altre parti (convocazioni, avvisi di rinvii e altre eventuali comunicazioni necessarie allo svolgimento della procedura): sono comprese nelle spese di avvio le comunicazioni effettuate a mezzo posta elettronica certificata o, quando possibile, tramite email, mentre è richiesto il versamento di un fondo spese pari a € 6,00 per ogni comunicazione tramite lettera raccomandata A/R ed € 20,00 per ogni comunicazione richiesta con notificazione tramite Ufficiale Giudiziario. Mediazione in modalità telematica: alla parte che richieda di partecipare alle sessioni di Mediazione con modalità telematica (videoconferenza) è richiesto il versamento anticipato di un fondo spese di € 30,00 per ogni sessione richiesta.
Per l’incontro preliminare non sono dovuti compensi; le spese di avvio della mediazione e le spese vive sostenute andranno comunque versate da ciascuna parte.
L’incontro preliminare ha il solo scopo di informare le parti delle modalità e delle finalità della Mediazione, e in esso le parti non potranno negoziare, scambiarsi o valutare proposte conciliative, porre termini o condizioni all'altra parte o rilasciare dichiarazioni senza iniziare effettivamente il procedimento di mediazione e versare le indennità previste.
Al termine delll’incontro preliminare il mediatore inviterà le parti e i loro avvocati a esprimersi in merito alla possibilità di iniziare il procedimento di mediazione.
In caso positivo, la Mediazione prosegue e ciascuna parte sarà tenuta a versare l'importo di cui alla colonna 3.
Tutte le maggiorazioni, ai sensi dell'art. 16 comma 4 del D.M. 180/2010, sono calcolate sulle tariffe previste dalla Tabella A allegata al D.M. 180/2010.
Per “accordo conciliativo”, ai fini della determinazione dei costi del procedimento di mediazione, si intende qualunque accordo stragiudiziale, di natura conciliativa o transattiva, patrimoniale o non patrimoniale, relativo alla controversia oggetto di Mediazione, concluso dopo l’avvio del procedimento, durante o dopo le sessioni svolte con il mediatore incaricato.